Venturi: “Girone apertissimo, col Cingoli rimaneggiati ma motivati”

E’ il terzino Giulio Venturi a presentare la prima sfida interna del girone di ritorno contro il Cingoli. Contro i marchigiani, coach Sasa Ilic dovrà rinunciare al capitano Marco Beltrami e all’ex di turno Lorenzo Nocelli.

“Sicuramente non siamo in una situazione ottimale, visto che oltre a Nocelli, che ormai è fermo da più di 20 giorni, sabato scorso si è fermato anche capitan Beltrami contribuendo a rendere la panchina ancor più corta. Come se non bastasse anche altri titolari sono un po acciaccati. Quindi ora e fondamentale più che mai stringere i denti per queste ultime due partite che ci separano dalla pausa natalizia che speriamo arrivi il prima possibile per consentirci di ricaricare le pile in vista della seconda parte di stagione.

Il Cingoli é una squadra ostica perchè coesa, capace di mettere in difficoltà le squadre avversarie grazie ad un gioco corale di ragazzi che si conoscono e si allenano da tempo insieme. Difendono duro sopperendo così ad un gap dal punto di vista dell’altezza: sono mordaci e combattivi. Una squadra assolutamente da non sottovalutare. Ricordiamo che stavano per fare lo sgambetto ad una squadra come il Romagna ed arrivano da una sconfitta di misura contro il Bologna Proprio per questo verranno al “Pala Vallauri” col coltello fra i denti. Tuttavia penso che se giochiamo come sappiamo fare e teniamo la concentrazione per tutti i 60 minuti usciremo dal campo con i 3 punti in tasca

Il Romagna ha dimostrato che la sconfitta di sabato scorso è stata solo un incidente di percorso vincendo abbastanza agevolmente contro una squadra che sia all’andata che al ritorno ci ha messo in grossa difficoltà. Per quanto riguarda noi dobbiamo pensare di non aver fatto nulla di speciale e affrontare ogni partita come fosse una finale in modo da assicurarci il primo posto nel Girone.
Sono contento della scelta che ho fatto in estate: venivo da una stagione sfortunata sia sotto il punto personale, visto che son stato a lungo infortunato, sia dal punto di vista dei risultati dato che purtroppo l’anno scorso a Cassano non siamo riusciti a centrare l’obiettivo dei playoff . Qui a Carpi sono arrivato in una squadra che ha cambiato molto dalla passata stagione trovando immediatamente qualche difficoltà legata alla mancanza di abitudine nel giocare insieme. Sono convinto tuttavia che il gruppo sia ottimo e la stagione possa, se sapremo vincere le partite decisive, prendere una piega decisamente positiva”.