Claudio Cerchiari: “Sono orgoglioso della mia squadra. Sabato ha perso la pallamano”

Il Direttore Generale della Terraquilia Handball Carpi Claudio Cerchiari ha così commentato l’esperienza nelle Final Eight di Coppa Italia appena conclusesi in quel di Lavis in terra trentina.

“Sono orgoglioso dei miei ragazzi che hanno dato una dimostrazione di forza notevolissima confermando la bontà del nostro progetto. Specialmente in semifinale abbiamo mostrato una grande pallamano nonostante assenze pesanti fra cui quella di Vito Vaccaro per le note vicende legate all’errata compilazione di moduli relativi alla vicenda anti doping. Ho visto ragazzi giocare per la maglia e lottare sino allo strenuo delle forze per raggiungere a tutti i costi la finale. Ci sono giocatori come Bruno Brzic che hanno voluto fortemente giocare la quella partita nonostante fossero infortunati; questo la dice lunga sulla dedizione di questo gruppo verso la nostra causa. Spiace che tale volontà sia stata ostacolata non solo dalla forza della Junior Fasano ma anche da decisioni arbitrali altamente discutibili che tutti i presenti e chiunque abbia visto la partita può confermare. Ci sentiamo penalizzati e siamo stanchi di ricevere costantemente un trattamento sfavorevole nei momenti cruciali della stagione. Meritiamo rispetto e ci siamo già fatti sentire nelle sedi opportune manifestando tutto il nostro fastidio. Torniamo con la consapevolezza di esser una buona squadra fatta da un gruppo straordinario in costante crescita che vede la mano sempre più visibile del nostro allenatore Sasa Ilic.

Ci affacciamo alla fase finale della stagione con grande fiducia, forti di una Fina Eight vissuta da protagonisti, con una rosa di giocatori che per 6/14mi non aveva mai giocato tale competizione. L’obbiettivo ora, nonostante la certa assenza di un giocatore fondamentale per noi come Vito Vaccaro, diventa quello di centrare la terza semifinale scudetto consecutiva anche passando, come nella passata stagione dagli spareggi. E’ difficile ma ci crediamo e, designazioni arbitrali permettendo, ci teniamo a continuare a stupire divertendoci”.